Forum di "Stampa 3D e molto altro!"

La Risorsa italiana per Makers

Sezione dove discutere di materiali di stampa e sulle parti calde della nostra stampante 3D. Estrusori, Hotends, Heated bed, trafilatura e materiali (filamenti/ABS/PLA/etc).
Avatar utente
da mecchin
#954
Visto i numerosi tipi di filamento già esistenti e molti altri in uscita ho voluto fare una descrizione delle loro caratteristiche in modo da poter scegliere il tipo di materiale che fa maggiormente al caso vostro.
Non è farina del mio sacco mi sono solo dedicato a raccogliere informazioni in rete e racchiuderle in questo post.

# PLA
Un classico per tutti gli amanti della stampa 3d. Il PLA è probabilmente il più versatile e il più diffuso materiale per la prototipazione rapida FDM. E’ divenuto celebre in tutto il mondo per la sua ecocompatibilità. Essendo infatti un derivato da piante come il mais, il grano o la barbabietola è un materiale amico dell’ambiente, prodotto da risorse naturali rinnovabili annualmente. Una volta utilizzati, i prodotti in PLA sono totalmente compostabili.

# ABS
Il filamento ABS è un cult della stampa 3D. Si tratta della prima plastica ad essere stata usata nella tecnologia delle stampanti 3D FDM. Le sue caratteristiche uniche di resistenza termica alle alte temperature, la sua estrema duttilità e solidità, ne hanno fatto nel tempo un materiale insostituibile nella prototipazione rapida. Se si vuole realizzare un oggetto finito da impiegare in meccanismi, ingranaggi e costruzioni soggette ad attriti fisici, l’ABS è la scelta obbligata.

# NYLON
Se volete puntare tutto sulla funzionalità, la resistenza e l’affidabilità il Nylon è il materiale che fa per voi. Tutti conosciamo le incredibili qualità di questo materiale sintetico utilizzato per fabbricare indumenti e i classici e resistentissimi fili da pesca. Pochi invece sanno che il nylon è stato prontamente adattato alla stampa 3d e ora anche questa tecnologia può avvalersi di questo filamento praticamente indistruttibile e allo stesso tempo flessibile e duttile.

# PLA FLEX
Il Pla Flex è un filamento per stampanti 3D simile alla gomma. Consente di stampare oggetti flessibili , come ad esempio parti di macchine di gomma, guarnizioni, peluche, flip-flop, e altri oggetti gommosi. Come si può intuire è un materiale che apre le porte ad un intero nuovo campo di applicazioni per la stampa 3D. Lasciate spazio libero alla vostra immaginazione, 3DiTALY vi offre le materie prime per farlo. Da oggi la stampa 3D non è fatta solo di statuette rigide.

# NINJAFLEX
NinjaFlex è un materiale d’elite, creato appositamente in laboratorio per arricchire in modo creativo il mondo della stampa 3D. Chiunque lo utilizza resta profondamente soddisfatto: le sue qualità performanti sono innegabili. Si tratta di un materiale a base di TPE, estremamente elastico e flessibile. Utilizzando il Ninjaflex potrai lanciarti in un mondo nuovo, dove molti limiti della stampa 3d scompaiono e gli oggetti possono essere sottoposti a stiramento, trazione, compressione senza perdere la forma originale.

# PLA COPPER
Finalmente la possibilità di stampare oggetti dall’aspetto metallico sulla tua stampante 3d desktop! Questo incredibile filamento vi permetterà di estrudere vero rame misto a PLA. Il “copper” è un filamento sperimentale consigliato per gli eperti della stampa 3d che sanno già utilizzare al meglio la macchina e sanno gestire al meglio diversi materiali.

# PET
Il PET (anche conosciuto come Polietilene Tereftalato) si presenta nella sua forma originale come un materiale incolore e cristallino, abbastanza rigido, dotato di grande resistenza alle pressioni e agli stiramenti. E’ ampiamente utilizzato nella fabbricazione di prodotti leggeri e prodotti industriali, primi tra i quali le classiche bottiglie riciclabili di acqua e bevande. Si calcola che il 66% dei contenitori per bevande è costituito da PET riciclabile.

# LAYWOOD
Laywood, il filamento per la stampa 3D che restituisce il calore del legno e della natura. Questo prodotto avanzato simboleggia bene il nuovo trend del 3D printing; tornare a materiali più familiari e tradizionali come il legno, la pietra, l’argilla, in contrapposizione a plastiche e composti sintetici. La sfida della stampa 3D in fondo è proprio quella di arrivare a prototipare e fabbricare in modo digitale, sulle proprie scrivanie, con i classici mezzi tipici dell’artigianato.

# STAW
Ridurre gli sprechi e limitare l’impatto ambientale della produzione di plastica. Ecco la missione che porta con sé lo Straw Filament. L’ultima novità in fatto di filamenti per la stampa 3D arriva dalla Cina. Si tratta di un materiale innovativo, dal basso costo, che mischia gli scarti della paglia vegetale con composti termoplastici. In questo modo gli scarti vegetali non vengono buttati via ma si riutilizzano in modo costruttivo per un riciclo completo. Ideale per prototipazioni veloci e prove di stampa, poco indicato per pezzi destinati ad essere solidi e duraturi.

# POLICARBONATO
Il policarbonato (PC) è un materiale estremamente solido, resistente agli urti, con elevata trasparenza ottica ed elevata temperatura di fusione. E’ un materiale adatto all’estrusione per le stampanti 3D. Gli oggetti stampati risultano di bell’aspetto e dai layers ben amalgamati tra di loro. Scegli dunque il Policarbonato come materiale se cerchi una resistenza sicura agli urti e alle cadute dei tuoi modelli.

# PVA
La soluzione definitiva al solito problema dei supporti difficili da rimuovere dalle tue stampe è racchiusa, anzi ravvolta, in una bobina. PVA è il materiale che cercavi; ti basta un po’ di acqua tiepida ed i supporti realizzati con questo materiale si scioglieranno senza lasciare traccia. II filamento PVA (Alcool polivinilico) è infatti solubile in acqua. Per questo motivo il filamento PVA è estremamente adatto come materiale di supporto per realizzare strutture geometricamente complesse e intricate.

For companies wanting to get their products to mar[…]

3D medical Printing technology brings a new wave[…]

Gclub casino online For novice players who want t[…]

https://pbs.twimg.com/media/DHNFGQDU[…]

Seguimi su YouTube!